Le grotte (i Bùs)

L'elenco delle grotte non discende da giudizi sulla spettacolarità, ma da valutazioni in base al loro contenuto biologico, tenendo in considerazione la complessità ambientale e di popolamento, oltre al fatto che queste possono costituire il «locus typicus», di certe specie e quindi ospitarne i topotipi, cioè la popolazione originale sulla quale è stata redatta la descrizione delle specie stesse.

>>Bus del Zel: grotta fredda, dove la grande quantità di neve inghiottita nella stagione invernale dalla dolina d'ingresso si accumula e si trasforma in ghiaccio, perdurando in certi anni fino all'estate inoltrata.

>>Omber en banda al Bus del Zel: è una cavità che può considerarsi, sotto il profilo ambientale e morfologico, la più interessante della zona. I suoi collettori profondi drenano le acque di gran parte dell'intero altopiano.

>>Bus del Budrio: cavità di grande interesse biologico, conosciuta in tutto il mondo.

>>Bus del Prà derènt: non lontana dalle precedenti questa cavità presenta un notevole popolamento faunistico.
Le sopra elencate cavità sono le più prestigiose della riserva sotto ogni punto di vista.

developed on Web-o-Matic technology