L'ambiente - Visitare l'altopiano - Geologia e geomorfologia - Educazione ambientale - AMMINISTRAZIONE - Piano di Gestione - Eventi e news - Contatti
Home page - Geologia e geomorfologia - L'Omber en banda al Bus del Zel
Consorzio per la gestione del Monumento Naturale Altopiano di Cariadeghe

Via Muradelli 6

25080 Serle (BS)

Tel. 030.6910501

Fax 030.6910501

Email altopianocariadeghe@gm...

L'Omber en banda al Bus del Zel

Questa grotta, che apre il suo modesto imbocco sul fianco di una dolina, è la cavità carsica più importante tra tutte quelle note sull'altopiano di Cariadeghe.
Con uno sviluppo di quasi 20 chilometri, per un dislivello di 430 metri, è la grotta più lunga e più profonda di tutta la provincia di Brescia e uno dei sistemi carsici di maggiore sviluppo a livello nazionale.

La sua esplorazione, che peraltro non si può mai considerare conclusa, ha richiesto anni di grande impegno esplorativo, durante i quali varie generazioni di speleologi hanno affrontato molte difficoltà dovute alla presenza di numerosissime strettoie ostruite dai detriti.

L'avventura inizia alla fine degli Anni '40 dello scorso secolo. Dobbiamo a Corrado Allegretti, da tutti ritenuto il padre della speleologia bresciana, la scoperta di un esile spiraglio, poi allargato artificialmente, che diede accesso ai primi pozzi fino a poco più di 40 m di profondità. All'epoca era uno dei tanti ómber della zona, non aveva un nome suo, era vicino al Büs del Zel. Diventerà l'Omber en banda al Büs del Zel.

Nel 1967, durante una visita, vengono esplorati altri pozzi fino a -75 e vengono scoperti i resti di un orso delle caverne. Il fatto rinnova l'interesse per la grotta, soprattutto per capire attraverso quale via l'orso possa essere giunto nel luogo del ritrovamento. Viene così scoperto e allargato un passaggio non visto prima, che porta di colpo a scoprire nuovi ed inaspettati percorsi sotterranei. Nasce negli esploratori (coordinati dal Gruppo Grotte Brescia "C. Allegretti") la consapevolezza di essere di fronte ad un sistema carsico eccezionale, con uno sviluppo di diversi chilometri.

Negli anni successivi, attraverso l'esplorazione subacquea di alcuni sifoni, e l'uso di traccianti, si fanno notevoli progressi nella comprensione dell'idrografia del sistema. La sorgente Zugna, nella Valle del Garza, viene confermata quale recapito idrico principale dell'intero complesso finora noto.

  Back 
Stampa    |   Invia ad un destinatario